Come monetizzare un sito

Quali sono i metodi migliori per riuscire a monetizzare con un blog o sito web? Vediamo insieme in questa guida le possibilità di guadagno che puoi valutare! 

Oggi, avere un sito web o gestire un blog è un ottimo modo per guadagnare online. Tuttavia, per arrivare a ottenere buoni profitti, niente può essere lasciato al caso ed è necessario seguire una strategia e un metodo ben preciso per monetizzare un sito.

É bene sapere, tuttavia, che si tratta di obiettivi che possono essere raggiunti nel lungo periodo e, quindi, è importante non avere fretta e scegliere la soluzione migliore per le proprie esigenze e le proprie aspettative.

Guadagnare con i click e le pubblicità

Una soluzione molto semplice, e sicuramente quella più diffusa da anni, è monetizzare il proprio sito web utilizzando il display advertising. Si tratta di una forma di pubblicità che prevede l’inserimento di banner e annunci nelle pagine web e che consente di ottenere guadagni in due modalità. 

Ad esempio, si possono vendere gli spazi pubblicitari direttamente agli advertiser, oppure sottoscrivere alcuni programmi, come Google Adsense, e pubblicare annunci sponsorizzati sul proprio sito. 

Google Adsense, una delle piattaforme più importanti di display advertising, retribuisce il gestore del sito web sul quale vengono pubblicati gli annunci in base ai click effettuati dagli utenti. Si parla, in questo caso, di PPC (Pay per Click), ma sono disponibili comunque diverse formule di retribuzione.

Affiliate marketing

L’affiliate marketing è un’altra formula efficace per monetizzare un sito web. Infatti, una volta scelta la piattaforma che offre questo servizio, basterà registrarsi per ottenere un link personalizzato da apporre sulle proprie pagine web e attraverso il quale gli utenti potranno acquistare prodotti o servizi. 

Chi pubblica i link di affiliazione, detti in gergo referral, otterrà una percentuale sulle vendite generate.

Si tratta di un metodo semplice per monetizzare un sito, adatto anche a chi non ha molta dimestichezza con il web, ma che per essere efficace deve essere gestito in maniera precisa. Ad esempio, i link di affiliazione devono essere coerenti con il contenuto del sito, credibili e affidabili. 

Tra i programmi di affiliazione più famosi c’è sicuramente quello proposto da Amazon che permette di avere anche ottime percentuali, fino al 12% sulle vendite generate. 

Con Amazon si possono inserire diversi prodotti attraverso link e banner portando i clienti ad acquistare quelli proposti. Oltre ad Amazon però si possono dirigere i clienti anche verso servizi di vario genere come ad esempio: servizi di viaggio, noleggio auto, servizi economici e così via.  

Grazie a queste affiliazioni si possono ottenere varie percentuali a seconda della vendita dei servizi o dei prodotti che si generano dal proprio sito web. 

Guadagnare con i contenuti premium 

Rendere disponibili per gli utenti dei contenuti premium è un ottimo modo per monetizzare un sito web. 

In pratica, si tratta di creare dei contenuti che abbiano un valore aggiunto, riconosciuto dai lettori e per i quali gli utenti sono disposti a pagare. 

Se si tratta di una situazione facile da immaginare, ad esempio, per le piattaforme che offrono lo streaming di contenuti video, come serie TV e documentari, è bene sapere che anche un blog può essere monetizzato in questo modo. 

Ad esempio, se si gestisce un blog di cucina, è possibile far pagare agli utenti un extra per scaricare un ebook di ricette o un tutorial, oppure dare la possibilità di sottoscrivere un abbonamento mensile o annuale per essere sempre aggiornati sui contenuti.

Sono molti i siti, anche famosi, come quello dell’Harvard Business Review, a offrire contenuti premium a pagamento e riuscire a generare introiti proprio attraverso questa modalità.

Sono una Beauty blogger e mi occupo di fornire consigli su come le donne possono migliorare la loro bellezza generale. Dalla cura della pelle al trucco, dai prodotti per capelli alla moda e tutto quello che c'è in mezzo.
Carlotta
Latest posts by Carlotta (see all)

Lascia un commento