Intervista a Roby Facchinetti e Riccardo Fogli che anticipano il loro concerto a Catania

facchinetti - fogli 2 - www.lesfemmesmagazine.it

Sono due ragazzi da sempre e da sempre ci fanno sorridere, ridere, ma soprattutto ascoltare buona musica.

Insieme hanno partecipato all’ultimo Festival di Sanremo, quello targato Claudio Baglioni.

Insieme hanno inciso un disco ed insieme hanno intrapreso un tour che arriverà in Sicilia, precisamente a Catania, il 17 dicembre al Teatro Metropolitan.

Ovviamente stiamo parlando di Roby Facchinetti e Riccardo Fogli, amici da sempre, che hanno deciso di fare questo viaggio “Insieme” per consolidare un’amicizia nata anni fa, che nonostante le varie strade che ognuno ha percorso è rimasta intatta.

facchinetti - fogli - www.lesfemmesmagazine.it

Sono passati mesi dal Festival di Sanremo, avete fatto un disco e intrapreso  un tour insieme, cosa avete riscoperto l’uno dell’altro?

Facchinetti: Noi ci siamo conosciuti nel ’66 ed apparteniamo alla primissima formazione dei Pooh. Eravamo dei ragazzini.

Fogli: Facchinetti non è che adesso siamo vecchi…

Facchinetti: …No adesso siamo uomini. Per cui ci siamo ritrovati dopo anni uomini. Le caratteristiche di allora, ovvero amare questo mestiere, amare la musica ed essere veramente delle persone, divertirsi e non prendersi troppo sul serio, sono rimaste intatte e quindi abbiamo deciso di fare questo progetto straordinario insieme, altrimenti, senza queste basi non ci sarebbe mai venuto in mente.

Fogli: Assolutamente no, non avremmo potuto. Facchinetti è un artista meraviglioso e unico e, cantare le canzoni di Roby, Negrini, insomma dei Pooh, quando io ero da solo è un regalo immenso e unico. Un viaggio meraviglioso.

facchinetti - fogli 3 - www.lesfemmesmagazine.it

Il vostro rapporto con il pubblico ogni sera si rinnova?

Fogli: quello col pubblico che non è tale, perché sono degli amici, è un rapporto vivo che non si limita al concerto.

Essendo in due io e Roby, abbiamo tempo di dedicarci a loro, di rispondere alle domande e di passare del tempo con questi amici che sanno tutto di noi, perché ci conoscono da anni, perché ormai siamo tutti in rete, siamo una grande famiglia che si muove per il territorio portando allegria, ma soprattutto tanta musica.

Avete lavorato al vostro disco con ben cinque arrangiatori, avete pensato che il disco avrebbe intrapreso una via forse troppo variegata, oppure non vi siete posti il problema?

Fogli: Roby dall’alto della sua esperienza si è posto il problema. Invece è diventato come un diamante dalle varie sfaccettature, perché gli arrangiatori hanno lavorato con noi vicino, con noi che gli cantavamo accanto. Ascoltando il disco ci si rende conto che alla fine è un lavoro omogeneo, in quanto di base ci sono le musiche di Roby che sono il collante di tutto.

facchinetti fogli di Luisa Carcavale les femmes magazine

Sarete a Catania il 17 dicembre, che concerto ci dobbiamo aspettare?

Facchinetti: Non è un concerto è un concertone. Saranno 40 brani  suddivisi tra i brani dei Pooh, i successi di Riccardo Fogli, alcune canzoni dei miei album da solista e ovviamente il nostro lavoro “Insieme” .

Fogli: Noi, infatti, raccomandiamo di fare la pipì prima di entrare perché sono circa due ore e 40 di concerto. Non solo ce lo raccomandiamo a vicenda.

Facchinetti: Verissimo, perché al di là degli scherzi, sono davvero e per fortuna, tanti successi e oltre 50 anni di storia attraverso la musica. Attraverso questo viaggio riviviamo la nostra vita e i nostri ricordi che sono bellissimi.

Fogli: Inoltre noi abbiamo la fortuna di vedere delle persone da anni, donne che ai primi concerti erano adolescenti adesso sono madri, vengono coi figli, in taluni casi coi nipoti. Il viaggio lo facciamo anche attraverso loro e i loro occhi, dimostrando che la musica non si addormenta mai e ti regala sempre tanto in emozioni che prendiamo e riceviamo.

facchinetti - fogli - www.lesfemmesmagazine.it

Visto che mi arriva questa alchimia pazzesca tra voi due, della quale non dubitavo, ma adesso ne ho certezza, vi chiedo: Che intenzioni avete dopo?

Fogli: Ecco bella domanda. Per risponderti su cosa faremo dopo, dobbiamo comprendere che cos’è il prima. Noi ci divertiamo e stiamo bene. Quotidianamente ringraziamo Dio per essere così in salute e per essere, ancora, un esempio da seguire. Questa energia che ci pervade e che ci precede, non ci permette di dire quando attaccheremo al chiodo i nostri strumenti perché non lo sappiamo.

Roby Facchinetti Official Website

Riccardo Fogli website

www.valeriagiuffrida.com

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *