“Fuga da Reuma Park” il ritorno di Aldo Giovanni e Giacomo e non solo!

aldo_giovanni_e_giacomo_-_ficarra_e_picone

aldo_giovanni_e_giacomo_-_ficarra_e_piconeSi intitola «Fuga da Reuma Park» il nuovo film di Aldo Giovanni e Giacomo, che uscirà per Natale 2016. Le riprese, appena ultimate, segnano il debutto dei tre attori alla regia. I tre che hanno diretto la pellicola insieme con Morgan Bertacca, hanno svelato alcuni dettagli della surreale commedia con cui celebrano, a loro modo, i 25 anni di carriera.

«La nostra comicità e i nostri personaggi sono spesso stati definiti stralunati, paradossali» raccontano. «Se la nostra comicità abita nel surreale, il film celebra il nostro mondo come nessun altro prima d’ora».
Rivedremo dunque sul grande schermo i loro personaggi più popolari: «Non potevamo non coinvolgerli» spiegano. «Hanno fatto la nostra storia e siamo molto affezionati a loro. Rivedrete Nico, Rolando, Tafazzi, Johnny Glamour e tanti altri».
Nel cast del film (prodotto da Paolo Guerra) anche Ficarra e Picone, che interpretano i figli di Aldo, e Silvana Fallisi. Le musiche sono di Mauro Pagani.
LA TRAMA DI FUGA DA REUMA PARK
Il film è ambientato sull’immaginario pianeta «Aldo Giovanni e Giacomo» tra 25 anni: Giacomo è in sedia a rotelle, attaccato a flebo di Barbera e gira con una pistola giocattolo, Giovanni ha la memoria che fa cilecca e parla con i piccioni (ma non ha perso la passione per le procaci infermiere), Aldo viene abbandonato dai figli (Ficarra e Picone) proprio la mattina di Natale.
Si ritrovano tutti lì, al Reuma Park, una casa di ricovero improvvisata all’interno di un Luna Park dismesso, dove imperversa l’energica Ludmilla, un’infermiera russa taglia XXL (Silvana Fallisi). Arresi? Perduti? Tutt’altro: la notte di Natale, mentre al Reuma Park si fa festa con ospiti a sorpresa, musica, tombolata e panettone, il trio ricomposto mette in atto una rocambolesca fuga a suon di petardi. Verso dove? Giacomo ha un sogno, Giovanni ha una barca e Aldo ha il solito travolgente entusiasmo. Sul pianeta Aldo Giovanni e Giacomo tutto può accadere, anche imboccare i Navigli di Milano per raggiungere Rio de Janeiro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *